Padova città d'acqua.

Il desiderio di effettuare una mappatura fotografica da inserire su mapillary, mi ha portato nuovamente nel Piovego ad attraversare il centro di Padova.

Anche questa volta mi sono mosso in autonomia con il binomio bici-kayak, ma trattandosi di acqua piatta, ho preferito al packraft un veloce kayak pieghevole: un Pakboats Puffin Saco. 

Finalmente sono riuscito ad effettuare le riprese sequenziali georeferenziate per mapillary, un paio di tentativi precedenti non sono andati a buon fine, uno per problemi tecnici alla action cam e l'altro perchè mi son trovato le chiuse del Piovego al Bassanello sbarrate e il fiume a secco.

Il risultato non sembra male, ci sono molte cose migliorabili ma nell'insieme può andare. Qui sotto il link:

E' sempre un piacere tornare in Piovego, fiume cittadino pieno di storia, che nonostante sia stato sfregiato e privato del suo tratto più significativo con l'interramento della riviera dei ponti romani, mantiene scorci e testimonianze del forte legame con la città.

Il sistema d’acque e fiumi di Padova era articolato e poneva la città al centro di un complesso sistema di comunicazione fluviale che la collegava da un lato con le varie realtà produttive dell’entroterra e dall’altro alla laguna di Venezia.

Le acque di Padova sono un'inestimabile ricchezza, le nostre radici, la nostra storia ne sono intrise. 

La moderna società ci ha allontanati da questo legame, che invece và assolutamente recuperato e valorizzato; vedremo allora che molte delle attuali problematiche legate alla gestione delle acque si risolveranno da sole.

Piacevole sorpresa al ponte tra via Umberto Primo e via Roma, ove il naviglio interno sparisce in un sifone, il suono di musicisti di strada si propagava sull'acqua venendomi incontro, effetto surreale degno di entrare in un film di Fellini. Ho cercato di riprendere il momento, il video è riduttivo ma un pò rende l'idea.

Scrivi commento

Commenti: 0

Ti ricordiamo che:

1- I fiumi vanno discesi con attrezzature e abbigliamento adatto al tipo di percorso affrontato.
2- Per discendere i fiumi bisogna frequentare dei corsi di canoa tenuti da personale qualificato.
3- I principianti durante le discese devono essere affiancati e consigliati da guide esperte.
4- Una discesa non si effettua mai in solitaria, il numero minimo dei partecipanti può variare a seconda della preparazione dei canoisti e delle difficoltà che si possono incontrare.

5- Il packrafting permette un'accesso semplificato all'acqua mossa, ciò può portare a sovrastimare le proprie capacità. E' perciò necessario conoscere quali sono i rischi presenti in fiume. E avere le competenze tecniche e la prestanza fisica per ridurli sino alla soglia di accettabilità.